Prevenzione all’aneurisma addominale A.L.I.Ce. Umbria, di Città della Pieve ha attivato una collaborazione con il Centro Medico Umbro di Tavernelle

Sabato 24 febbraio presso la Sala del Concerto a Palazzo della Corgna a Città della Pieve, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, A.L.I.Ce. Umbria (Associazione Lotta all’Ictus Cerebrale) di Città della Pieve e CMU (Centro Medico Umbro) di Tavernelle, organizzeranno una iniziativa di prevenzione che, per la prima volta riguarda l’aorta addominale. Grazie alla disponibilità volontaria del dott. Rony Helou, medico internista – angiologo del Centro Medico Umbro – Tavernelle verrà effettuato il controllo dell’aorta addominale. Il dottore, rispetto al tempo concordato per l’iniziativa, riuscirà ad esaminare, con ecografia e colloquio, 16 richiedenti. Questo costringe ad utilizzare il sistema delle prenotazioni che permette di lavorare ottimizzando i tempi e regolarizzando il flusso.

Il controllo dell’aorta addominale è importante in quanto la dilatazione e la conseguente rottura di questa parte dell’aorta porta a conseguenze invalidanti se non addirittura alla morte. La mortalità in caso di rottura di un aneurisma addominale è piuttosto elevata: tra il 70 e il 90%.

Il rimedio principe è la diagnosi precoce.

Ti viene offerto uno screening gratuito, sei invitato ad approfittare, per prenotare è necessario telefonare ad A.L.I.Ce. di Città della Pieve al n. 0578 299071 oppure recarsi personalmente presso la sede situata all’interno della Casa della Salute, da lunedì 12 a venerdì 16 febbraio, dalle ore 10.30 alle 11.30, o ancora scrivendo a aliceumbriapieve@tiscali.it.Chi volesse avere ulteriori informazioni sul Centro Medico Umbro può consultare Internet alla voce www.centromedicoumbro.it.

A.L.I.Ce. effettuerà, con infermieri volontari, i consueti controlli di: pressione arteriosa con rilevazione di fibrillazione atriale, glicemia, colesterolo, trigliceridi.

Tutti gli esami e la consulenza medica saranno, come al solito nell’ambito delle giornate di prevenzione, completamente gratuiti. 

Comments are closed.